Installazione Oracle 19 su Oracle Linux 8 in VirtualBox 6

.

Nell’articolo Installazione Oracle 19 su Oracle Linux 8 in VirtualBox 6 vi mostrerò come installare il nuovo database Oracle 19 sul sistema operativo Oracle Linux 8, sulla piattaforma VirtualBox 6.0.

Installazione Oracle 19 su Oracle Linux 8 in VirtualBox 6
REDWOOD CITY, CA/USA – MAY 31, 2014: Oracle corporate headquarters in Silicon Valley.

Un volta che il sistema operativo è pronto passiamo alla customizzazione per poter ospitare il database Oracle 19.

Per configurare al meglio un server che ospiterà un database occorre creare 3 principali File System:
/u01 – FS dove saranno posizionati i binari di Oracle
/datiDBTEST – FS dove saranno posizionati i dati
/fraDBTEST – FS dove saranno posizionati gli archive

Quindi procederemo con la creazione dei dischi con le seguenti dimensioni:
/u01 – 20G
/datiDBTEST – 20G
/fraDBTEST – 20G

Procediamo a macchina spenta con la creazione a livello fisico dei dischi sulla sezione archiviazione come la seguente immagine:

Click su aggiungi un disco fisso:

Diamo il nome al disco u01 e impostiamo la dimensione a 20G come da seguente immagine:

Ripetiamo l’operazione per gli altri due dischi sempre da 20G con nomenclature datiDBTEST e fraDBTEST.

Quando abbiamo terminato, occorre prima creare la partizione del disco e successivamente formattarlo in ext4, quindi avviamo la macchina e digitiamo

fdisk -l

Questi saranno i 3 dischi da 20Gb aggiunti e saranno identificati sul sistema operativo come device sd:

/dev/sdb
/dev/sdc
/dev/sdd

Disk /dev/sdc: 20 GiB, 21474836480 bytes, 41943040 sectors
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes


Disk /dev/sdb: 20 GiB, 21474836480 bytes, 41943040 sectors
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes


Disk /dev/sdd: 20 GiB, 21474836480 bytes, 41943040 sectors
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes

Ancora sono dischi inutilizzabili poiché occorre creare la partizione sempre con il tool di sistema fdisk come di seguito riportato:

fdisk /dev/sdb

n

<Invio>

<Invio>

<Invio>

w

Verifichiamo che sia stata la partizione /dev/sdb1:

fdisk -l

Se vedete la partizione la formattiamo in ext4 con il comando mkfs.ex4 /dev/sdb1:

mkfs.ext4 /dev/sdb1

Creiamo la directory:

mkdir /u01 

Montiamo il device formattato nel Mount point /u01:

mount /dev/sdb1 /u01

Ripetiamo l’operazione per gli altri 2 File System.

Prima di ripetere le operazioni, creiamo in precedenza le seguenti directory per poi montarle come da procedura precedente:

mkdir /datiDBTEST
mkdir /fraDBTEST

Per poter permettere di far montare i dischi in automatico vanno aggiunti i file system nel file /etc/fstab.
Quindi copiare e incollare le seguenti righe con l’fstab:

vi /etc/fstab
#FS Oracle
/dev/sdb1 /u01        ext4    defaults        0 0
/dev/sdc1 /datiDBTEST        ext4    defaults        0 0
/dev/sdd1 /fraDBTEST        ext4    defaults        0 0

Creiamo gruppo dba:

groupadd dba

Creiamo l’utente oracle:

useradd -g dba oracle

Cambiamo la password dell’utente oracle:

passwd oracle

Creiamo la directory che sarà l’ORACLE_HOME del database con il seguente comando:

mkdir -p /u01/app/oracle
mkdir -p /u01/app/oraInventory
mkdir -p /u01/app/oracle/product/19.0.0/dbhome_1

Cambiamo proprietario e permessi dei FS.

Change Owner:

chown -R oracle:dba /u01
chown -R oracle:dba /datiDBTEST
chown -R oracle:dba /fraDBTEST

Change Mode:

chmod -R 775 /u01
chmod -R 775 /datiDBTEST
chmod -R 775 /fraDBTEST

Ora che abbiamo configurato storage e permessi, procediamo con l’installazione delle dipendenze:

yum install -y binutils 
yum install -y targetcli
yum install -y sysstat             
yum install -y nfs-utils
yum install -y make
yum install -y libstdc++-devel
yum install -y rdma-core-devel
yum install -y libXtst
yum install -y libXi
yum install -y libXrender-devel
yum install -y libaio-devel
yum install -y ksh
yum install -y glibc-devel
yum install -y fontconfig-devel
yum install -y elfutils-libelf-devel 
yum install -y libnsl

Per poter aprire gli archivi scaricati dal sito della oracle dobbiamo scaricare gzip con il seguente comando:

yum install -y zip unzip

Installiamo l’X server per permettere l’avvio dell’interfaccia grafica durante l’installazione:

yum install xorg-x11-server-Xorg xorg-x11-xauth.x86_64 -y
yum install xdpyinfo -y 

Modifica dei parametri del Kernel. Editare i seguenti parametri sul file /etc/sysctl.conf

vi /etc/sysctl.conf
fs.aio-max-nr = 1048576
fs.file-max = 6815744
kernel.shmall = 2251799813685247
kernel.shmmax = 2987162112
kernel.shmmni = 4096
kernel.sem = 250 32000 100 128
net.ipv4.ip_local_port_range = 9000 65500
net.core.rmem_default = 262144
net.core.rmem_max = 4194304
net.core.wmem_default = 262144
net.core.wmem_max = 1048586

Modifica dei limiti di risorse dell’utente Oracle. Editare con i seguenti parametri il file /etc/security/limits.conf

vi /etc/security/limits.conf
oracle soft nproc 2047
oracle hard nproc 16384
oracle soft nofile 1024
oracle hard nofile 65536

Configuriamo le variabili d’ambiente sul file .bash_profile dell’utente oracle:

vi /home/oracle/.bash_profile
ORACLE_BASE=/u01/app/oracle
export ORACLE_BASE
ORACLE_HOME=$ORACLE_BASE/product/19.0.0/dbhome_1
export ORACLE_HOME
ORACLE_SID=DBTEST 
export ORACLE_SID
PATH=$ORACLE_HOME/bin:$PATH
export PATH
export CV_ASSUME_DISTID=RHEL7.6

Scarichiamo il software oracle .zip dal seguente link Oracle database 19c Download

Una volta scaricato, ci colleghiamo con MobaXterm con l’utente oracle, sulla sinistra della pagina apriamo la scheda sftp e trasferiamo il file come da immagine sulla directory ORACLE_HOME che abbiamo che creato in precedenza:

Installazione Oracle 19 su Oracle Linux 8 in VirtualBox 6

Ci colleghiamo al server con l’utente Oracle ed estraiamo i file dall’archivio zip ed avviare l’installazione con il seguente comando:

cd /u01/app/oracle/product/19.0.0/dbhome_1
unzip LINUX.X64_193000_db_home.zip
./runInstaller

Se tutto è stato configurato correttamente vedremo finalmente l’immagine dell’installer:

Procediamo con la configurazione

Come prima impostazione installiamo solo il software come da seguente immagine:

Secondo step Single instance database installation:

Per il nostro ambiente di test, configuriamo l’installazione Enterprise Edition:

Confermiamo la location dell’ORACLE_BASE e dell’ORACLE_HOME:

Impostiamo la location dell’oraInventory come da seguente immagine:

Impostiamo a tutti il gruppo dba come da immagine:

Impostare la password dell’utente root per eseguire gli step post installazione in automatico:

Nello step Summary verifichiamo se i path impostati sono tutti corretti ed eseguiamo Install:

Poco prima del termine dell’installazione ci verrà richiesto di eseguire gli script finali con le credenziali fornite in fase di configurazione, quindi confermiamo e attendiamo il termine.

A questo punto abbiamo installato il prodotto Oracle 19c.

E’ rimasto che creare il database e il listener con il comando:

dbca

La prima immagine confermiamo Create a database come da immagine:

Andiamo con Advanced configuration:

Confermiamo il Database type con Oracle Single Intance database e lasciamo General Purpose or Transaction Processing:

Per questo tutorial installiamo un database classico quindi leviamo il nome da database Container e impostiamo il nome del database come DBTEST:

Impostiamo il disco dei dati che abbiamo creato all’inizio del tutorial come da immagine riportata:

Abilitiamo la Flash Recovery Area e impostiamo il FS degli archive:

Creiamo il listener come da immagine:

Lo step successivo lasciamo tutto invariato come da immagine:

Continuiamo!

Lasciamo la configurazione della SGA e della PGA con l’ASMM Automatic Shared Memory Management come da immagine:

Sulla scheda sizing lasciamo invariato, sulla scheda CharcterSets impostiamo Territory impostiamo Italy come da immagine:

Sulla scheda Connection mode lasciamo invariato e sulla scheda Sample schemas impostiamo il flag per avere gli schema di esempio per effettuare i propri test:

Rimuviamo il flag dall’Enterpris Manager come da immagine:

Impostiamo la password degli utenti SYS e SYSTEM:

Lasciamo invariato e andiamo avanti:

Controlliamo il Summary che le impostazioni messe siano configurate correttamente:

Se tutto è corretto procediamo con l’installazione.

FINE

Come da immagine successiva, vediamo che, sia il database che il listener sono Up e Running e il test di connessione ha dato esito positivo.

[oracle@oraclelx ~]$ ps -ef |grep pmon
oracle   10965     1  0 05:44 ?        00:00:00 ora_pmon_DBTEST
oracle   19049 18860  0 06:05 pts/0    00:00:00 grep --color=auto pmon
[oracle@oraclelx ~]$ ps -ef |grep tns
root        46     2  0 04:08 ?        00:00:00 [netns]
oracle    5584     1  0 05:33 ?        00:00:00 /u01/app/oracle/product/19.0.0/dbhome_1/bin/tnslsnr LISTENER_DBTEST -inherit
oracle   19081 18860  0 06:05 pts/0    00:00:00 grep --color=auto tns
[oracle@oraclelx ~]$ sqlplus system/Ciao10@DBTEST

SQL*Plus: Release 19.0.0.0.0 - Production on Sat Nov 9 06:05:32 2019
Version 19.3.0.0.0

Copyright (c) 1982, 2019, Oracle.  All rights reserved.

Last Successful login time: Sat Nov 09 2019 06:04:58 +01:00

Connected to:
Oracle Database 19c Enterprise Edition Release 19.0.0.0.0 - Production
Version 19.3.0.0.0

SQL>

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial